IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI ANNI 18. GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA.

News

A Carlo Savinelli le IPO Special Edition

Per il Team Starone il primo successo a coronamento di una carriera di livello

The best is yet to come”, avevo detto al termine dell'intervista realizzata a Carlo Savinelli, chipleader dell'IPO, ben prima del final table. Ed in effetti “il meglio doveva ancora arrivare”... Il meglio si chiama: trionfo!

E' lui il vincitore della quattordicesime edizione dell'Italian Poker Open, da 1 milione di euro garantito. E' lui perchè, come cantava Lucio Dalla “l'impresa eccezionale è essere normale”. In effetti al tavolo finale ha riso, scherzato, ironizzato, stuzzicato, ma non ha vinto colpi clamorosi, semplicemente ha giocato il suo poker. “E, allora”, direte voi, “come ha fatto a vincere?”. Forse per un motivo banalissimo: era il più bravo, o, di sicuro, tra i più bravi. La sua vittoria è l'essenza di questo gioco, perchè è bene ricordare che ha pagato tre buy in, visto che è uscito al day 1 A, al day B e, poi, ha accumulato moltissime chips nel day 1C. Il concetto è che anche un giocatore di altissimo livello ( e Carlo lo è, ma all'IPO ce n'erano tanti altri) può uscire di scena in un amen, come dominare: ovvio che più chanches ha, più emerge il suo valore. Alla decima edizione dell'IPO, la prima da 1 milione garantito, il suo AQ fu callato sul reraise da QJ e un flop Q-X-J lo ha condanno' all'eliminazione, quando stava letteralmente dominando il gioco e già sentiva il profumo di final table. Per lui, solidissimo giocatore di cash, apparve subito frustrante veder svanire il sogno, senza alcuna possibilità di recuperare le chips passate nelle mani di uno straniero che aveva proposto una giocata opinabile. Non poteva presentarsi con un nuovo stack e vendicarsi pochi minuti dopo: è stato costretto ad aspettare un anno. Ma, si sa, il tempo è galantuomo e anche se tra le vittime di Savinelli non c'è stato il killer di un tempo, va bene lo stesso... Prima il double up con KK, al cospetto dell'AQ di De Angelis, per volare a quota 20 milioni,( “e' in quel momento che mi sono detto: non mi hanno scoppiato, adesso il torneo lo vinco!”), poi tanti piatti portati a casa grazie a qualità pokeristiche non comuni. No, amici, nessuna giocata epica, come detto, ma quanto basta per far avvertire la presenza al tavolo e incrementare lo stack. Che, infatti, a tre left è a quota 36 milioni.

All'heads up la musica è diversa: Carlo 15 milioni di chips, il suo avversario 65: “ne ho recuperati subito 20, senza neanche pescare la top pair... Li, ancora di più, mi sono reso conto che il mio oppo non aveva una strategia e che questo benedetto IPO lo avrei portato a casa io!”. E infatti il PRO di Starone non si sbaglia, poco dopo il trofeo è nelle sue mani! A proposito, l'occhio dei manager della room è da dieci decimi: prima il quarto posto di Longobardi all'IPT, poi il primo di Savinelli all'IPO. Potreste cercarmi anche un centravanti che faccia gol per il mio Bologna...? Ma Carlo non è cresciuto, come chi scrive, a tortellini, piuttosto a pizza, quella che, scaramanticamente, mangia ogni sera alla “Barchetta”, ottimo ristorante campionese. Peraltro Omar, il cameriere, gli ha detto, all'uscita dal day 1B, di avere sognato che avrebbe vinto il torneo: chissà se lo ha detto a tutti, speranzoso di ricevere una mancia... Ma questo IPO è stata una sequela di riti, come, appunto la cena nello stesso ristorante, con lo stesso menù, il film visto prima di addormentarsi ( almeno questo diverso...) e il viaggio in macchina con Gabriele Bigontina Cadel ( solo questo vale il premio di 210000 euro incassato da Savinelli...). Battute a parte Gabriele ha chiuso l'IPO ottantanovesimo, su 2339, e ha patchato Acesbook, Carlo, che ha trionfato: alla storia passerà il vincitore, ma ogni grande bomber ha alle spalle un grande rifinitore.

Jack Bonora

http://www.facebook.com/acesbook.thepokernetwork" data-send="true" data-layout="button_count" data-width="450" data-show-faces="false" data-font="tahoma">

Commenti

Prossimi eventi

Caricamento in corso...