Pokerstars.eu apre al Portogallo e a giugno arrivano le Trio Series con 5 milioni GTD

0
749

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”2″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” video_bg_id=”” video_bg_url=”” video_bg_url_vimeo=”” photoswipe=”” linkurl=”” image_size=”” overlay_block_color=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

Dalle parole ai fatti. Il Portogallo è ufficialmente nella liquidità condivisa e Pokerstars.eu per festeggiare l’ingresso dei lusitani nel nuovo mercato, lancia le Trio Series da 5 milioni di euro garantiti. E l’Italia che farà? 

Non c’è due, senza tre. Dopo Spagna e Francia, anche il Portogallo entra nella liquidità internazionale condivisa. Dopo il varo del Governo di Lisbona degli scorsi giorni, arriva anche l’ingresso su Pokerstars.eu. La room dalla picca rossa ufficializza l’ingresso dei lusitani nel mercato unico. Dunque anche i Portoghesi potranno sfidare spagnoli e francesi nel poker online. 

E il debutto sarà con il botto. Infatti la stessa Pokerstars.eu annuncia  la nuova kermesse: ecco le “Trio Series” con 5 milioni di euro garantiti complessivamente. Dal 3 al 13 giugno, ben 78 eventi animeranno l’azione nel mercato condiviso. Su tutti spicca il main event con 500.000 euro garantiti a fronte di un buyin di 250€. Un notevole passo in avanti per un mercato che è partito subito a spron battuto con Francia e Spagna

E in tutto questo pesa e non poco l’assenza dell’Italia. Ricordiamo che lo scorso luglio il nostro paese ha sottoscritto il “Trattato di Roma” che ha dato ufficialmente l’avvio alla Liquidità Condivisa Internazionale. Se Francia, Spagna e Portogallo hanno mantenuto fede agli impegni, l’Italia è rimasta in maniera discutibile al palo e da mesi ormai regna un silenzio vergognoso sulla vicenda. Di sicuro oltre che la faccia, il nostro paese si sta giocando anche il futuro del settore. Un settore trincerato in un ghetto delle .it che sta portando piano piano, alla morte del poker online. Al nuovo governo dunque spetterà decidere se proseguire nel progetto, oppure abbandonarlo per sempre. 

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]