Cina, giro di vite sul poker

0
738

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”4″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” video_bg_id=”” video_bg_url=”” video_bg_url_vimeo=”” photoswipe=”” linkurl=”” image_size=”” overlay_block_color=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

La Cina annuncia un giro di vite sul poker: in sostanza il gioco non verrà più considerato uno sport competitivo. Il quadro legale deve ancora essere riscritto, ma il nuovo regime dovrebbe prendere il via il prossimo 1 giugno e i punti chiave sembrano due.

Da un lato, gli app store non potranno diffondere app di poker, dall’altro i social media non potranno sponsorizzare eventi di poker live. Il primo contraccolpo lo hanno ricevuto le poker room virtuali: appena si è diffusa la notizia Boyaa Interactive International Ltd – compagnia che trae la maggior parte dei profitti proprio dalla Cina – ha perso il 12% alla borsa di Hong Kong.

Ma non nascondono tutta la propria preoccupazione nemmeno gli organizzatori dei tornei asiatici: dalla Cina proviene all’incirca la metà degli iscritti e i social media finora si sono dimostrati lo strumento più efficace per promuovere le manifestazioni.

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]