Di Maio: “Stop alla pubblicità sul gioco”

0
736

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”5″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” video_bg_id=”” video_bg_url=”” video_bg_url_vimeo=”” photoswipe=”” linkurl=”” image_size=”” overlay_block_color=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

“Vieteremo la pubblicità del gioco”. E’ quanto ha detto nel corso di un comizio elettorale a Pomezia, come promesso in campagna elettorale, il ministro allo Sviluppo economico Luigi Di Maio.

Sarà vietato installare slot vicino alle scuole, daremo un limite per città e sostegno alle Asl per aiutare chi ha problemi di ludopatia”.

“Vedo ogni ora, ovunque mi giri, persone famosissime e che stimo tantissimo fare pubblicità per il gioco. Il problema del gioco è che più si è disperati e più si gioca, più non si hanno soldi e più ci si indebita per giocare. Il poker o l’azzardo online è diventato uno dei più grandi rischi della nostra società.

Si può giocare comodamente da casa, almeno fermiamo le tentazioni, le pubblicità. A questo aggiungeremo altre iniziative con il vice ministro e sottosegretario all’Economia e la ministra della Salute”. E’ quanto ha sottolineato, in un video postato sul social Facebook, il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio.

Non possiamo rendere il gioco del tutto illegale, finirebbe nelle mani delle organizzazioni criminali, ma possiamo dire basta alla pubblicità”, ha concluso.

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]