WSOP 2018: Fratelli D’Italia nel Double Stack, sette azzurri superano il day 1B

0
722

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”2″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” photoswipe=”” linkurl=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

Sette azzurri superano il day 1B dell’evento#34 alle WSOP 2018 e così avremo ben 9 italiani a caccia della zona premi nel corso della seconda giornata. Bene Speranza e Bendinelli. 

Italia in massa nel “$1.000 Double Stack NLH“. Sono sette i nostri giocatori che imbustano alla fine del day 1B nell’evento#34. Un numero altissimo e il più imponente nell’edizione in corso per i nostri colori. Al Rio dunque si parla anche italiano, in un torneo che fra day 1A e day 1B ha visto 5.700 giocatori prendere posto ai tavoli. 

La folla ha determinato un montepremi di 5.130.000 di dollari da spartire in 497 posizioni a premio. La ricompensa minima è di 1.500 dollari, mentre il campione oltre al bracciale, intasca anche 426.028$. In 1.285 torneranno per il day 2 e dunque ci attende una lunga discesa verso lo scoppio della bolla. 

Il day 1A ha visto la qualificazione di Sergio Castelluccio (106.400) e Daniele Linciano (38.500) e nel day 1B come detto sono sette gli azzurri che completano i dieci livelli previsti. Il miglior azzurro è Fabrizio D’Agostino che prova a volare con 164.200 chips. Gianluca Speranza prova ad imitarlo e si ferma a quota 129.400. Uno stack di tutto rispetto verso la volata alla zona premi. 

Sotto il muro delle centomila unità troviamo Giuliano Bendinelli. Per l’estroso player genovese ci sono 75.900 a rilanciare le speranze. Più staccati invece Luca Stevanato (45.300), Antonio Barbato (45.100), Maurizio Saieva (34.300) e Alessio Isaia (18.300). Stack non proprio deep per gli ultimi 4 italiani, ma tutti possono ancora dire la loro nell’evento#34 delle WSOP 2018

Alessio Isaia

Tanti anche i big che sono riusciti in qualche modo a staccare il pass per la seconda giornata. Prova a mettersi in luce Giuseppe Pantaleo. Il tedesco, ma di chiarissime origini italiane, naviga oltre il muro dei 130 mila pezzi. Attenzione poi a Chris Moorman (67,200) e Niall Farrell (58,000). Situazioni non proprio idilliache infine per Bertrand “Elky” Grospellier (20,700), Chris Ferguson (12,200) e Anatoly Filatov (9,500). Dalle 21.00 di questa sera prende il via il day e con il livello 500-1.000 ante 100

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]