WPT Bobby Baldwin: Little a caccia del tris di titoli, Hellmuth avanza al day 3

0
742

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”2″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” photoswipe=”” linkurl=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

Il WPT Bobby Bladwin ha visto la partecipazione di un field non gigante, ma zeppo di campioni. A 20 left comanda Jonathan Little che insegue il terzo sigillo in carriera nel circuito. Attenzione a Phil Hellmuth. 

Per la prima volta nella storia del World Poker Tour, ecco che debutta la tappa del WPT Bobby Baldwin. La cornice del Casinò Aria per il torneo dedicato al suo presidente e ben 10.300 dollari di buyin per richiamare un field di eccezione. E così è stato a Las Vegas, quando restano appena 20 giocatori a giocarsi il titolo di campione. 

Nella settimana che precede lo start delle WSOP 2018, quale miglior modo di scaldare i motori, se non quello di gettarsi nella mischia del WPT Bobby Baldwin?. Alla fine sono stati 162 i paganti per un prize pool che tocca quota 1.555.200 bigliettoni. “In the Money” ci finiranno in 21 con un cash minimo di 19.990$ fino a raggiungere i 387.580 dollari riservati al campione. 

E in maniera incredibile i panni di uomo bolla spettano a Darryl Fish. Si trova in allin con K-8 vs A-Q di  Kevin Eyster e il board 8-A-8-6 sembra premiarlo, prima che un altro asso al river ribalti tutta la mano. Eyster chiude full più alto e Fish è l’ultimo player a mollare la presa fuori dai premi. Scoppiata la bolla, c’è tempo per assistere all’eliminazione di Terry Fleischer, prima che i 20 left possano imbustare verso il day 3

I galloni di chipleader sono tutti per  Jonathan Little. Il player americano prova la fuga con 763.000 chips, dopo aver deploso J-J di Andrew Lichtenberger con 10-10 e 10 al turn. Monster pot, chipleading e il sogno del terzo titolo in carriera al WPT. A proposito di record: fra i 20 left c’è anche Darren Elias, l’unico in grado di puntare al quarto alloro. Sulle tracce di Little, gli immediati inseguitori sono Stephen Chidwick (576.500) e Sam Panzica (411.500). Due avversari assai scomodi. 

Phil Hellmuth

Allargando il raggio alla top ten, troviamo fra i promossi  Joe McKeehen (332.500), Kevin Eyster (259.000) e Dietrich Fast (225.000). Infine proveranno la rimonta nella terza giornata Phil Hellmuth (211.000), Darren Elias (135.500), Jared Jaffee (103.500), Manig Loeser (90.000) e Kitty Kuo (83.000). 

La top 10 del count:

 1. Jonathan Little – 763,000
2. Stephen Chidwick – 576,500
3. Sam Panzica – 411,500
4. Bryan Piccioli – 395,000
5. Joe McKeehen – 332,500
6. Kevin Eyster – 259,000
7. John Krpan – 230,000
8. Ralph Perry – 226,000
9. Dietrich Fast – 225,000
10. Rex Clinkscales – 222,000

 

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]