Alessandro Pichierri dopo l’EPT Praga: “Nel 2024 giocherò meno e meglio”

0
597
alessandro pichierri

Fonte Immagine: Profilo Alessandro Pichierri su Facebook

Alessandro Pichierri è stato uno dei protagonisti della spedizione azzurra nell’EPT Praga. Da lui è infatti arrivata una delle poche picche conquistate da un italiano.

Abbiamo parlato con il player azzurro che ci ha raccontato in primis l’evento da €2.100 vinto pochi giorni fa: “È stato probabilmente l’unico torneo a Praga in cui ho vinto 2-3 showdown consecutivi. Il field arrivati a 20 left era ampiamente alla mia portata per fortuna, visto la presenza di molti amatori. Di conseguenza la combinazione di un field non molto preparato con qualche showdown vinto, ha fatto sì che riuscissi a vincere il torneo”.

Più in generale, il player noto online come Deneb93 ha fatto un punto sulla tappa praghese dello European Poker Tour: “Il festival non è andato malissimo, probabilmente qualche reentry che dovevo missare perché preso troppo in late. In più ho avuto un proble a privato che non mi ha permesso di essere al 100%. Forse a volte ho giocato con un po’ di frustrazione e stress addosso. Sicuramente non aiuta giocare a questo gioco quando hai dei problemi da fattori esterni. A parte questo sono riuscito comunque a portare a casa una picca che mi mancava come trofeo”.

Buon rendimento sia live che online

Il 2023 di Alessandro Pichierri è stato buono nel poker live. Però ci sono alcuni eventi per i quali vorrebbe tornare indietro nel tempo: “Qualche torneo lo rigiocherei. Mi viene in mente il Main Event 888 a Barcellona, il Main Event dell’Estrellas a Malaga ma soprattutto il Main Event WPT in Liechtenstein. Lì ho chiuso quarto ed è stato il rimpianto più grosso perché in quel tavolo finale arrivare almeno in heads up mi sembrava d’obbligo”.

Anche online le cose sono andate bene. Non mancano i rimpianti, ma Ale ha ammesso anche le differenze di attitudine tra il .com e il .it da parte sua: “Ho perso un braccialetto WSOP partendo 80-20 in heads up, ho giocato il Main Event su GGPoker in cui ho chiuso dodicesimo dopo un mega coin flip perso. In più tanti altri buoni risultati qua e là, direi che in ogni caso va bene così. Ci prendiamo quello che ci arriva, in questo gioco non ci spetta nulla. Direi in generale molto meglio il dot com del punto it. Probabilmente non riesco a dare lo stesso focus e gioco nel punto it molto più distratto o con il pilota automatico”.

Il 2024 secondo Alessandro Pichierri

Ma cosa si aspetta Alessandro Pichierri dal nuovo anno? I suoi sono buoni propositi che partono dal poker giocato, in modo da poter vivere una vita più serena “off stage”. Queste le sue parole: “Per il 2024 sarebbe un ottimo risultato replicare il 2023. Proverò a dire la mia in qualche main event che può cambiarmi la vita, in più continuerò a giocare online e live. Non sono mai andato a Las Vegas, non so se può essere la volta buona ma in questo senso non ho tutta questa fretta. Negli anni ho capito che questo gioco non può prendere il 100% della tua vita e deve comunque restare “solo” un lavoro, per quanto non sia così scontata come cosa, visto che è un mondo che ti risucchia. È sicuramente bello, emozionante e appagante vincere tornei e vincere tanti soldi, però le priorità nella vita sono altre. Quindi direi che uno degli obiettivi del 2024 sarà quello di giocare ancora meno rispetto al 2023, magari con più qualità. Così potrò dedicare il resto del tempo a me e alle persone a me vicine”.