Alla scoperta del web3, il futuro di internet… E non solo

0
214
Web3

L’evoluzione di internet è un argomento che cattura l’attenzione da sempre e che accende gli animi con una certa regolarità. Dunque, vale la pena il concetto che in questo periodo, più degli altri, sta guadagnando attenzione: il Web3.

Questo termine potrebbe suonare nuovo per molti, ma rappresenta una svolta significativa nella storia digitale. Scopriremo insieme di cosa si tratta, le sue applicazioni, e perché potrebbe essere i connotati di una vera e propria rivoluzione.

Cos’è il Web3

Il Web3 rappresenta la terza generazione di servizi internet. Una generazione che si basa sull’uso di tecnologie decentralizzate, una su tutte la blockchain. Si oppone dunque nettamente ai modelli centralizzati degli ultimi anni, grazie ai quali grandi aziende detengono il controllo sui dati degli utenti. Il Web3, invece, propone un sistema in cui gli utenti hanno il pieno controllo dei propri dati.

Differenze dagli altri stadi di Internet

Nelle sue prime fasi, il Web era statico e limitato principalmente alla visualizzazione di informazioni. Con l’avvento del Web 2.0, internet è diventato più interattivo, grazie all’ascesa dei social media, del blogging e del commercio elettronico. Tuttavia, questo ha portato anche a un’eccessiva centralizzazione dei dati. Il Web3, sfruttando la tecnologia blockchain, mira a creare un ambiente più democratico e decentralizzato, in cui ciascuno è proprietario dei propri dati e li può utilizzare per facilitare le proprie attività, piuttosto che per monetizzare. 

Le tecnologie alla base del Web3

Il cuore del Web3 è la blockchain, una tecnologia che permette la creazione di un registro digitale distribuito e sicuro. Altri elementi chiave includono i contratti intelligenti (smart contracts), che automatizzano le transazioni e gli scambi (non solo di denaro) in modo sicuro e trasparente.

Stesso discorso per le criptovalute, che forniscono un mezzo per scambiare valore in questo nuovo ecosistema.

Le applicazioni del Web3

Le possibilità offerte dal Web3 sono ampie e variegate. Da qui, il coinvolgimento di attività vecchie e nuove, di ambiti ben frequenti o – di contro – inesplorati. Ecco una panoramica.

Finanza Decentralizzata (DeFi)

Una delle applicazioni più evidenti è nel campo della finanza decentralizzata, o DeFi. A questo proposito, il Web3 permette la creazione di sistemi finanziari che operano senza intermediari, come banche o altre istituzioni finanziarie, utilizzando invece la tecnologia blockchain. Si tratta di una vera e propria rivoluzione copernicana della finanza, in quanto riduce il potere di chi, fino a questo momento, ha tenuto le redini del mondo degli investimenti.

Identità Digitale e proprietà digitale

Il Web3 consente anche agli utenti di avere un controllo maggiore sulla propria identità digitale e sui propri dati. Di concerto, la tecnologia blockchain può essere utilizzata per garantire la proprietà digitale, ad esempio attraverso i Non-Fungible Tokens (NFT), che rappresentano un modo unico e non replicabile di possedere contenuti digitali.

Gli NFT sono saliti prepotentemente alla ribalta nel 2022, segnando un nuovo approccio per la gestione delle opere d’arte, per l’opere d’ingegno, per le creatività.

Internet delle Cose (IoT)

A beneficiare del Web3 è anche l’Internet delle Cose, ovvero le tecnologie di iperconnessione e automazione applicate agli oggetti, agli elettrodomestici, ai macchinari. Grazie al Web2 i dispositivi connessi possono comunicare e operare in modo sicuro attraverso la blockchain.

Perché il Web3 è rivoluzionario

Alla luce di quanto si è detto fin qui, si comprende la portata rivoluzionaria del Web3. Tuttavia, vale la pena fare il punto della situazione, ed elencare i macro-cambiamenti che la diffusione del Web3 determinerà.

Democratizzazione dei Dati

Innanzitutto, il Web3 promette di democratizzare l’accesso e il controllo sui dati. In un mondo segnato dalla presenza capillare del Web3, gli utenti non sono più semplici produttori di dati per le grandi aziende, ma diventano padroni dei propri dati, delle proprie opere, delle proprie informazioni, con tutto ciò che ne consegue in termini di monetizzazione.

Sicurezza e Privacy

Grazie alla sua natura decentralizzata e alla tecnologia crittografia, il Web3 offre livelli di sicurezza e privacy notevolmente superiori rispetto ai sistemi centralizzati. Si tratta di un aspetto è fondamentale in un’era in cui le preoccupazioni sulla sicurezza dei dati sono in costante aumento.

Innovazione e Opportunità

Il Web3 apre la strada a nuove forme di innovazione e offre opportunità in settori precedentemente limitati dalla centralizzazione. Questo potrebbe portare a una maggiore equità, trasparenza e partecipazione in vari ambiti della società. Il riferimento è alla finanza e alla gestione degli investimenti, ma anche alla gestione dei diritti per le opere d’ingegno.