Calciomercato, CR7 alla Juve, è tutto vero!

0
716

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”2″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” video_bg_id=”” video_bg_url=”” video_bg_url_vimeo=”” photoswipe=”” linkurl=”” image_size=”” overlay_block_color=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

Blitz in Grecia del presidente Andrea Agnelli, Ronaldo firma per quattro anni; al giocatore 31 milioni netti, 100 al Real Madrid.

L’affare più incredibile dell’estate si è concluso ieri pomeriggio, con i comunicati di Real Madrid e Juventus a certificare l’avvenuto passaggio di CR7 dalla Casa Blanca alla Vecchia Signora. Si sposta un giocatore, un simbolo, un’azienda in carne ed ossa: la portata dell’affare richiede settimane di paziente lavoro, portato avanti dalla dirigenza bianconera con la regia di Jorge Mendes, manager che ha segnato gli ultimi 20 anni del calcio mondiale.

La trattativa sembra essere partita quasi per scherzo, in una chiacchierata nell’ambito dell’affare Cancelo (assistito da Mendes): il procuratore propone CR7 alla Juventus, Marotta pensa ad uno scherzo, quasi fosse uno dei tanti tifosi increduli sulle ’suggestioni’ che quotidianamente offre il calciomercato. È Ronaldo a spingere per il trasferimento, forse deluso dal mancato rinnovo con i blancos, forse stanco del rapporto con Florentino Perez, forse bisognoso di una nuova sfida dopo le tre Champions di fila conquistate con il Real Madrid. Romanticamente, vorremmo credere ad un Ronaldo rimasto colpito dalla standing ovation tributata dall’Allianz Stadium alla sua rovesciata nello 0-3 di pochi mesi fa: colpito sicuramente dal progetto Juve, l’unica squadra capace di buttare fuori dalla Champions il Real e rifilare, d’orgoglio, tre reti al Bernabeu nella partita di ritorno.

Certamente poi, nozze ’reali’ non si fanno coi fichi secchi: il buon Cristiano andrà a percepire 31 Milioni netti a stagione per i prossimi quattro anni, la Juve verserà 100 Milioni nelle casse del Real Madrid (50 l’anno nei prossimi due esercizi) che dovrebbero salire oltre quota 117M considerati tutti gli oneri e le commissioni (tra cui 12M a Mendes, 2,5M allo Sporting Lisbona, 2,5M al Manchester Utd). Operazione comunque ampiamente alla portata dei bianconeri, che chiudono in attivo il bilancio e in pratica sostituiscono le “rate” per Higuain (chiuso quest’anno) con quelle per CR7.
Differente il discorso stipendio, decisamente fuori dai parametri bianconeri: finora il più pagato è stato proprio il pipita (7.5 Milioni, al pari di Paulo Dybala), centravanti argentino che verrà probabilmente sacrificato in questa sessione di mercato per alleggerire il bilancio (chiuse le offerte di puntata sul suo addio, il passaggio al Chelsea era quotato la miseria di 1,30).

La Juve si aspetta di ottenere grandi benefici sul piano commerciale con l’innesto di Cristiano Ronaldo: ieri lo Store Online di Juventus.com è andato in down per l’enorme numero di accessi (è ancora irrangiugibile!), con tantissimi tifosi che hanno preso d’assalto il kit gara con la numero 7 (lasciata dal colombiano Cuadrado). Abbonamenti allo Stadium polverizzati (già dimenticato l’aumento extra del 30%), boom del titolo in borsa (dai 0,65€ del 28 giugno ai 0,90€ odierni per una capitalizzazione di 900 Milioni), interesse mediatico capace di oscurare un semifinale mondiale (non si parla d’altro in tutto il mondo!). Questi risultati produrranno certamente delle sponsorizzazioni più “generose” nei prossimi anni, maggiori ricavi che eleveranno la società torinese nell’elite del calcio mondiale anche sul piano finanziario.

Sul piano prettamente sportivo, abbiamo scritto lunedì di una Juve già in pole per la prossima Champions League, davanti a potenze economiche del calibro di Bayern Monaco (8.00), PSG (8.00), e Manchester United (12.00), da oggi sopravanzato anche il Real Madrid (8.00), in testa a quota 6,50 insieme a Barcellona e Manchester City . Per la Serie A la quota è crollata a 1,40: non sarà un problema per l’appeal del campionato, che anzi si appresta ad essere uno dei più seguiti degli ultimi anni.

Ronaldo, vicino a vestire la maglia della Juventus già ad inizio carriera (fu il rifiuto di Marcelo Salas al trasferimento a Lisbona a far saltare lo scambio con lo Sporting CP), ha già fatto scatenare i bookmakers. Si può puntare su CR7 miglior marcatore in Serie A (1.80), sulla sua partita d’esordio e sulle più disparate statistiche. Il fuoriclasse portoghese dovrebbe arrivare lunedì a Torino al J-Medical per le visite mediche di rito, per i primi allenamenti con la nuova squadra in attesa di volare negli USA per la International Champions Cup, competizione estiva nella quale affronterà da ex il Real Madrid il 5 Agosto (mezzanotte, ora italiana).
Stay Tuned!

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]