WSOP 2018: Joe Cada in corsa per la doppietta nel main, 26 left al day 7

0
708

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”2″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” photoswipe=”” linkurl=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

Il day 6 del main event alle WSOP 2018 lascia appena 26 giocatori in corsa sulla strada che porta al tavolo finale. Joe Cada in versione dejavu, dopo aver vinto il mondiale nel 2009. 

26 uomini e un tavolo finale sullo sfondo. Così ci avviciniamo al day 7, la giornata che da sempre divide la grande prestazione dal sogno proibito. Il main event WSOP salpa deciso verso l’ultimo giorno di gara e poi sarà tempo di tavolo finale. E dallo scorso anno si è tornati alla vecchia maniera: niente November Nine, niente attesa di quattro mesi. Tutto e subito per il titolo di campione del Mondo. 

Il day 6 ha visto 109 giocatori combattere nella discesa senza freni. Non ci sono appelli o ancore di salvezza. Se perdi sei fuori, se vinci prosegui l’esaltante cavalcata. Lo sanno bene i vari Shaun Deeb (105°), Steven Adams (101°), Stefan Huber (76°), Jordan Cristos (69°), Jaime Kaplan (62°), James Obst (46°), Benjamin Pollak (42°), Brian Yoon (41°), Shannon Shorr (39°) e Jorden Fox (27°).

Si arriva quindi ad imbustare, quando la notte ha ormai preso il sopravvento in quel di Las Vegas. Il comando è tutto per Aram Zobian in versione fuggiasco a quota 41 miloni. Tra lui e il secondo ci sono 11 milioni di differenza, ovvero Artem Metalidi con 30.845.000 pezzi. Ma i due nomi più attesi si trovano al momento nelle retrovie: Joe Cada e Ivan Luca. Un americano e un argentino.

Cada lo sa bene cosa significa arrivare in fondo al main event. Lo ha vinto nel 2008 e con 8.850.000 punta inevitabilmente al bis. Subito a ruota del campione del mondo c’è Ivan Luca. Argentino di nascita, ma italiano di origine. Insomma un pezzetto di Italia resiste nella volata al tavolo finale e per lui ci sono 8.820.000 pezzi con cui costruire la remuntada. 

Ivan Luca

Carte in aria con il day 7 dalle 20.00 italiane per una rincorsa al tavolo finale che non ammette errori. 

Il count ufficiale: 

  1. Aram Zobian 41,585,000
  2. Artem Metalidi 30,845,000
  3. Antoine Labat 28,445,000
  4. Michael Dyer 26,515,000
  5. Alex Lynskey 22,045,000
  6. Yueqi Zhu 19,245,000
  7. Kao Saechao 18,985,000
  8. Martijn Gerrits 17,790,000
  9. Nicolas Manion 17,630,000
  10. Eric Froehlich 15,285,000
  11. Paulo Goncalves 15,230,000
  12. Tony Miles 14,945,000
  13. John Cynn 14,750,000
  14. Alexander Haro 12,940,000
  15. Hari Bercovici 12,775,000
  16. Frederik Jensen 12,100,000
  17. Sylvain Loosli 11,635,000
  18. Ryan Phan 9,545,000
  19. Joe Cada 8,850,000
  20. Ivan Luca 8,820,000
  21. Konstantin Beylin 8,305,000
  22. Ming Xi 7,550,000
  23. Jeff Trudeau 5,090,000
  24. Nirath Rean 4,950,000
  25. Bart Lybaert 3,825,000
  26. Barry Hutter 2,250,000

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]