Contratto M5S-Lega sul gioco: a rischio 20.000 posti di lavoro

0
458

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”7″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” video_bg_id=”” video_bg_url=”” video_bg_url_vimeo=”” photoswipe=”” linkurl=”” image_size=”” overlay_block_color=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

Nel contratto di Governo tra Movimento Cinque Stelle e Lega c’è un paragrafo riguardante il gioco d’azzardo, un testo piuttosto generico, ma che dà indicazioni sul compito che si prefigge per il futuro questa alleanza che dovrebbe guidare il Paese

Con riguardo alla problematica del gioco d’azzardo – si legge nel contratto – sono necessarie una serie di misure per contrastare il fenomeno della dipendenza che crea forti danni sia sociosanitari che all’economia sana, reale e produttiva, tra le quali:

  • divieto assoluto di pubblicità e sponsorizzazioni;
  • trasparenza finanziaria per le società dell’azzardo;
  • strategia d’uscita dal machines gambling (Slot machines, videolottery) e forti limitazioni alle forme di azzardo con puntate ripetute;
  • obbligo all’utilizzo di una tessera personale per prevenire l’azzardo minorile;
  • imposizione di limiti di spesa;
  • tracciatura di flussi di denaro per contrastare l’evasione fiscale e infiltrazioni mafiose.

 

Analogamente, si rende necessaria una migliore regolazione del fenomeno, attraverso strumenti quali, ad esempio, l’autorizzazione all’installazione delle slot machine – VLT solo in luoghi definiti (no bar, distributori ecc), limitazione negli orario di gioco e l’aumento della distanza minima dai luoghi sensibili (scuole e centri di aggregazione giovanile)”.

L’accordo tra Salvini e Di Maio rischia non solo di lasciare un buco di almeno 5 miliardi nelle casse dell’Erario, ma anche di mandare a casa migliaia di famiglie. Degli 80mila esercizi dove sono installate le slot in molti probabilmente chiuderanno i battenti senza gli apparecchi da intrattenimento. E sarà così anche per le oltre 4mila sale giochi dedicate. Potrebbero essere quindi tra i 15 ed i 20mila i posti di lavoro persi nel caso entrasse in vigore l’intervento sui giochi previsto dal contratto di Governo.

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]