Gamenet acquista GoldBet, nasce il primo operatore di scommesse in Italia

0
739

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”2″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” video_bg_id=”” video_bg_url=”” video_bg_url_vimeo=”” photoswipe=”” linkurl=”” image_size=”” overlay_block_color=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

La società ha sottoscritto un contratto per l’acquisizione del 100% del capitale di GoldBet per 265 milioni di euro.

Con l’acquisizione di Golbet da parte di Gamenet Group, nasce il primo polo dell’industria del betting italiano. Oltre 770 dipendenti, più di 1.700 punti vendita specializzati e una quota di mercato complessiva nel segmento betting pari a circa il 18%.

L’amministratore delegato di Gamenet Guglielmo Angelozzi definisce l’operazione di “rilevanza europea, un ulteriore, significativo salto dimensionale” per il Gruppo, dopo la già importante integrazione con il ramo italiano del Gruppo Intralot, avviata nel 2016 e completata con successo quest’anno.

L’acquisizione di Goldbet prevede il pagamento di 240 milioni al closing, stimato entro il quarto trimestre, ai quali si aggiungeranno altri 25 milioni in seguito al verificarsi di determinate condizioni previste nel contratto di acquisizione. L’operazione sarà finanziata mediante ricorso all’indebitamento: Gamenet si avvale di Unicredit e Nomura per la sottoscrizione di un finanziamento finalizzato al pagamento del prezzo.

Il risultato del’acquisizione ci consegna di fatto il primo operatore di scommesse in Italia, con una quota di mercato complessiva del 18%. Importante la base costituita dai 1700 esercizi sul territorio, che garantiranno il 21% del mercato delle scommesse sportive su rete “fisica”. Più indietro il settore dell’online betting, che dovrebbe assestarsi sulla quota del 7%. La quota di mercato del 33% nel segmento virtual betting garantirà un netto vantaggio sui concorrenti per i gli anni a venire.
Stay tuned!

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]