Mef: delega ai giochi a Massimo Bitonci della Lega?

0
701

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”4″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” photoswipe=”” linkurl=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

Alle 13 i sottosegretari presteranno il giuramento presso la Sala dei Galeoni di Palazzo Chigi. Si aprirà quindi la partita delle deleghe che il Governo intende comunque chiudere in tempi strettissimi: “entro giovedì”, ha spiegato Riccardo Fraccaro, ministro per i rapporti con il Parlamento.

Per quanto riguarda la delega ai giochi – secondo indiscrezioni raccolte da Agimeg – il designato fino a ieri era Massimo Garavaglia. Il deputato lombardo è stato però nominato viceministro, e – sempre secondo indiscrezioni – dovrebbe occuparsi di tutta l’area Finanze. La delega ai giochi – sempre che il Consiglio dei Ministri intenda assegnala – dovrebbe a questo punto passare al collega di partito Massimo Bitonci, che però finora ha mostrato un approccio molto critico al settore. Come sindaco di Padova ha infatti adottato un regolamento molto restrittivo sulle sale, e addirittura ha proposto di adottare un distanziometro di 1km (di norma Regioni e Comuni vietano di aprire sale a meno di 500 metri da scuole e altri luoghi sensibili).

Alla Camera, in questa Legislatura, ha presentato un disegno di legge per il contrasto della ludopatia e la razionalizzazione dei punti di vendita di gioco pubblico. (Agimeg)

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]