Decreto Dignità, prosegue in commissione l’esame degli emendamenti

0
731

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”2″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” video_bg_id=”” video_bg_url=”” video_bg_url_vimeo=”” photoswipe=”” linkurl=”” image_size=”” overlay_block_color=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

La maggioranza discute sulla denominazione del gioco e sul divieto di affissione pubblicitaria, il PD ha presentato un emendamento per ridurre del 50% i punti vendita.

Slitta ancora lo sbarco del Decreto Dignità nelle Aule parlamentari, previsto a questo punto per l’inizio della prossima settimana, lunedì 30 luglio. L’enorme mole di emendamenti presentati (tra i quali tanti concordati all’interno della maggioranza M5S-Lega) sta richiedendo più tempo del previsto per operare i correttivi utili alla manovra.

Tra le ultime modifiche al “decreto dignità” presentate nei vertici di maggioranza, spicca per importanza il cambio di denominazione: non si tratterà più di “giochi e scommesse con vincite in denaro”, ma di “gioco d’azzardo regolamentato”, mentre al posto di “ludopatia” (o “azzardopatia”, utilizzato perlopiù dai 5S), si dovrà parlare di “disturbo da gioco d’azzardo”. A tal proposito, gli spot eventualmente ancora trasmessi dovrenno riportare le avvertenze di “non adatti ai minori” e il rischio con dicitura “azzardo o gioco d’azzardo”.

Per quanto riguarda la pubblicità, si aggiunge agli spot e alla pubblicità online, il divieto di affissione pubblicitaria. La norma riguarderebbe anche i punti e le sale da gioco, per i quali ci si interroga sul da farsi: con il divieto del 14 luglio, come ci si deve comportare per i contratti di pubblicità in corso? Considerando le insegne di esercizio, si dovrebbero rimuovere tutte le insegne, comprese le vetrofanie solitamente presenti sulle vetrine d’ingresso. La multa di €50.000 per ogni tipo di violazione appare in ogni caso spoporzionata, rimangono inoltre dubbi sul soggetto competente all’irrogazione delle sanzioni, l’Autorità garante per le comunicazioni, soggetto non attrezzato a vigilare sulle affissioni di insegne.

Punti vendita “colpiti” anche da un emendamento PD, presentato nelle ultime ore. Il testo prevede la riduzione del 50% dei punti vendita, mediante la previsione normativa di un tetto di 55mila esercizi, nei quali andrebbero ricompresi i 34mila tabaccai dislocati sul territorio. L’emendamento dem ricalca il testo di Baretta durante il governo Gentiloni, bocciato dalla ragioneria di Stato a causa dell’alto costo (fu prevista un perdita di 2 Miliardi di euro). Secondo le stime fornite nell’emendamento attuale, non vi sarebbe alcun impatto sul gettito.
Stay Tuned!

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]