WSOP 2018: Deeb trionfo e 3° bracciale nel PLO, Sammartino Hot nel Championship

0
719

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”2″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” photoswipe=”” linkurl=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

Dario Sammartino ci riprova nelle varianti e nel championship. L’azzurro è al day 2 del “$10,000 Pot-Limit Omaha 8-Handed Championship” in mezzo a tantissimi campioni. Shaun Deeb a sua volta conquista il PLO High Roller e mette al polso il 3° bracciale. 

Dario Sammartino vuol provarci ancora nelle varianti. Il player di Napoli infatti prosegue la sua estate a suon di giochi alternativi alle WSOP 2018 e adesso mette nel mirino l’evento#49. Passa al day 2 con 146.000 pezzi che lo collacano nella zona medio alta del count. Un buon biglietto da visita per il day 2, considerando soprattutto la nutrita e difficilissima concorrenza. 

Sono stati 439 i giocatori che si sono alternati ai tavoli nel corso del day 1 e in 175 sbarcano alla seconda giornata. Sono dati non definitivi, in quanto la late chiude con la ripresa delle ostilità. I galloni di chipleader vanno a  Ryan Hughes che vola con 475.400 unità.

Fa il vuoto nel count, con Veselin Karakitukov secondo a quota 350.800. Molti i big che si piazzano nelle zone importanti del count: da Michael Mizrachi (275.100) a Joey Ingram (258.500), fino ad arrivare a Stephen Chidwick (245.300). Ma in generale è un field ad altissimo tasso tecnico quello che approda al day 2. 

Intanto un altro evento di Pot Limit Omaha ha il suo campione. Shaun Deeb mette tutti in riga nel “$25.000 Pot Limit Omaha High Roller” dopo aver rimontato lo svantaggio nel count. Per lui si tratta del terzo bracciale in carriera e probabilmente il più importante, visto che incassa 1.402.683 dollari.

Battuto Ben Yu in heads up e a distanza di 12 mesi da un altro epico scontro finale fra i due. Infatti nel 2017 Yu e Deeb si giocarono la vittoria nel “$10,000 Limit 2-7 Lowball Triple Draw Championship” con Yu che prevalse. Un anno dopo Shaun prende la sua rivincita.

In sei sono tornati per il final table e si esauriscono quasi subito le speranze di Ryan Tosoc. Poi in serie escono Jason Koon (5°) e soprattutto il campione in carica James Calderaro (4°). Sul gradino più basso del podio ci va Scotty Nguyen. Il cinque volte campione alle WSOP partiva come leader di giornata, ma a tre left crolla dicendo addio al possibile sesto bracciale.

Shaun Deeb

Il duello finale vede Ben Yu partire al comando con 18 milioni di pezzi vs i 10 milioni di Deeb. Quest’ultimo nel giro di tre mani ribalta la situazione e va prendersi il terzo sigillo in carriera, il primo delle WSOP 2018. 

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]