WSOP 2018: Urbanovich che palo nel Razz, Klein rimonta e vince nel PLO

0
726

[RexpansiveSection section_name=”” color_bg_section=”” image_bg_section=”” id_image_bg_section=”” video_bg_url_section=”” video_bg_id_section=”” video_bg_url_vimeo_section=”undefined” dimension=”full” margin=”” layout=”fixed” block_distance=”0″ full_height=”” custom_classes=”” section_width=”” responsive_background=””][RexpansiveBlock id=”block_0_0″ type=”text” col=”1″ row=”1″ size_x=”12″ size_y=”2″ color_bg_block=”” image_bg_block=”” id_image_bg_block=”” type_bg_block=”” photoswipe=”” linkurl=”” zak_background=”” zak_title=”” zak_side=”” zak_icon=””]

Altra giornata anonima per i colori azzurri,alle WSOP 2018, ma ci pensano le grandi firme internazionali a tenere viva l’attenzione.  Dzmitry Urbanovich accarezza il bracciale nel Razz, ma poi chiude secondo. Non fallisce il colpo Loren Klein nel PLO Championship per il terzo sigillo in carriera. 

Dopo quasi un mese di WSOP 2018 sembrava il suo giorno. E invece Dzmitry Urbanovich dovrà riprovarci. Il player polacco si ferma ad un passo dal bracciale nel “$1.500 Razz“, quando ormai tutto lasciava presagire un suo trionfo. Ad Urbanovich non è bastato iniziare il duello finale vs  Jay Kwon con il doppio delle chips. L’americano infatti ha iniziato a spingere sull’acceleratore e con un rimonta decisa è andato a prendersi la vittoria. 

Si tratta dell’evento dove Max Pescatori è stato eliminato al day 2 poco prima dello scoppio della bolla. In compenso i grandi nomi si sono dati battaglia sia nella seconda parte del day 2 e sia nella notte appena trascorsa per il final day. Out a ridosso del final table  Kyle Montgomery, mentre la medaglia di bronzo va al collo di un mai domo Adam Owen, la vera sorpresa delle WSOP 2018.

Come detto Urbanovich sembra presentarsi nel duello finale con un vantaggio netto. Ma non basta per arrivare a mettere le mani sulla prima moneta da 125.431 dollari. Know prima accorcia il gap e poi piazza il sorpasso verso il traguardo. Il polacco si consola con 77.526 dollari. 

Il payout del tavolo finale:

1 Jay Kwon United States $125.431
2 Dzmitry Urbanovich Poland $77.526
3 Adam Owen United Kingdom $52.536
4 Michael Mckenna United States $36.324
5 Kevin Iacofano United States $25.637
6 Thomas Taylor United States $18.477
7 Jeffrey Mitseff United States $13.605
8 Jeanne David United States $10.240

Nel “$10.000 Pot Limit Omaha Championship” è invece il giorno di Loren Klein. Un nome forse troppo poco conosciuto da questa parte dell’oceano. Eppure l’americano fa tris di bracciali dopo una rimonta perentoria al final table. Per lui arriva anche un premio da 1.018.336 dollari. 

In sei son tornati per la discesa al titolo guidati da Brandon Shack-Harris. I primi a salutare sono due elementi della vecchia scuola come Scott Bohlman e Ryan Hughes. Jerry Wong crolla ad un passo dal podio e a tre left paga per tutti proprio Brandon Shack-Harris. L’americano prima scende nel count e poi sotto i colpi del futuro campione alza bandiera bianca.

In heads up dunque si trovano Rep Porter, chiamato a ribaltare la situazione e il due volte campione Klein. Fra prima e seconda piazza ballano oltre mezzo milione di dollari e dunque la tensione si taglia a fette nella battaglia per il bracciale. Klein però ha già innestato il turbo e sarà proprio lui a conquistare il bracciale, il terzo della sua carriera. 

Il payout:

1 Loren Klein United States $1.018.336
2 Rep Porter United States $629.378
3 Brandon Shack-Harris United States $433.259
4 Jerry Wong United States $303.491
5 Ryan Hughes United States $216.391
6 Scott Bohlman United States $157.097

[/RexpansiveBlock][/RexpansiveSection]